Sostegno alla Famiglia

Congedo di paternità

L’articolo 2 del Decreto numero 151 definisce il congedo di paternità come l’astensione dal lavoro del lavoratore padre in alternativa a tutto o a parte del congedo di maternità (che dura in totale 5 mesi). Il padre può richiedere il congedo di paternità per tutta la durata dei 5 mesi in caso di morte o di grave infermità della madre, o se il bambino è stato affidato esclusivamente al padre. La legge numero 92 del 28 giugno 2012 ha introdotto un giorno di paternità obbligatorio retribuito al 100% che deve essere fruito entro 5 mesi dal parto. Lo scopo è di promuovere una cultura di maggior condivisione della genitorialità all’interno della coppia e di facilitare la conciliazione dei tempi di vita e lavoro. Il lavoratore padre ha diritto inoltre ad altri due giorni facoltativi di congedo di paternità retribuito al 100% sempre entro i 5 mesi dal parto, ma questi sono conteggiati come parte del congedo di maternità. In totale, il congedo di paternità può considerarsi di 3 giorni, anche se questa è una misura sperimentale per gli anni 2013-2015 e non è chiaro se sarà applicata anche dopo il 2015.

Fonte: Art. 4, paragrafo 24a

Congedo parentale

Il Decreto numero 151 (con le modifiche previste dal decreto dell'11 giugno 2015, relativo all'anno 2015) prevede il congedo parentale per la cura del bambino dopo il congedo di maternità o paternità. La madre o il padre possono usufruire del congedo entro i primi 12 anni di vita del bambino. Ciascun genitore non può prendere più di sei mesi di congedo parentale (ma il padre può astenersi per 7 mesi se almeno 3 di essi sono continuativi). La somma dei due periodi non può superare i 10 mesi (11 se il padre ne ha richiesti 7). Nel caso vi sia un solo genitore, il limite totale è di 10 mesi. 

La retribuzione dei primi 6 mesi di congedo parentale totale fruito da entrambi entro i primi 6 anni di età del bambino è del 30% dello stipendio. Se il congedo è fruito quando il bambino ha fra i 6 e i 12 anni, non è prevista alcuna retribuzione né indennità. 

Fonte: Articolo 32

Flessibilità lavorativa per i genitori / Conciliazione vita-lavoro

Il decreto dell'11 giugno 2015 prevede - solo per l'anno 2015 - la possibilità di trasformare i sei mesi di congedo parentale facoltativo in lavoro part-time.

Per incentivare il telelavoro per i genitori, lo stesso decreto dà alcuni vantaggi ai datori di lavoro che decidono di dare questa possibilità ai propri lavoratori.

Con la legge n. 81 del 2017, in Italia è stato adottato un quadro normativo sul lavoro agile (smart). Il lavoro agile non è un nuovo tipo di contratto, piuttosto è un modo di svolgere le proprie mansioni nell'ambito di un rapporto di lavoro, senza vincoli di tempo e luogo. Il lavoro viene svolto in parte nei locali aziendali e in parte all'esterno. Il lavoro smart, dove non viene fissato un luogo specifico all'esterno dei locali aziendali, si differenzia dal telelavoro, dove invece il dipendente deve specificare un posto di lavoro fisso al di fuori dall'ufficio.

La legge definisce il lavoro agile come un accordo tra le parti " senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro, con il possibile utilizzo di strumenti tecnologici per lo svolgimento dell'attività lavorativa. La prestazione lavorativa viene eseguita, in parte all'interno di locali aziendali e in parte all'esterno senza una postazione fissa, entro i soli limiti di durata massima dell'orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva”.

Il lavoro agile è stabilito da un accordo scritto individuale fra il lavoratore e l’azienda. L'accordo deve specificare le modalità di svolgimento del lavoro al di fuori dei locali aziendali e le procedure di gestione dello smart worker. La legge prevede inoltre che l’accordo indichi le tecnologie utilizzate e il "diritto alla disconnessione” del lavoratore. L'accordo di lavoro agile deve garantire l'equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

La legge sul lavoro agile protegge i lavoratori contro gli infortuni e le malattie anche per l'attività svolta al di fuori dei locali aziendali. È inoltre prevista la tutela contro gli incidenti che si verificano nel percorso da e verso il luogo in cui lavora il dipendente.

Fonte: art. 18-23 della legge n. 81/2017

Leggi sul sostegno alla famiglia

  • Legge 28 giugno 2012, n. 92 - Riforma del lavoro Fornero / Law of 28th June 2012, n. 92 - Fornero labour reform
  • Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 - Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità / Legislative Decree of 26th March 2001, n. 151 - Consolidated text of the laws on the protection and support of motherhood and paternity
loading...