Voglio lavorare dopo un'assenza per una patologia cronica o una malattia di lunga durata

Tornare al lavoro dopo un periodo di malattia non è sempre facile. In alcuni Paesi, ci sono norme che agevolano il rientro al lavoro. Questa pagina offre un quadro delle norme vigenti in Italia.

Tornare al lavoro dopo un congedo per malattia? Compila il sondaggio

Rientro dopo il trattamento per malattia cronica

Norme a sostegno di persone che sono state in cura per una patologia cronica e ora stanno cercando di rientrare al lavoro. NB: molte di queste previsioni sono destinate a persone che hanno acquisito una disabilità o inidoneità rispetto alla mansione lavorativa. Ulteriori normative sono poi specificamente volte a tutelare i malati cronici la cui malattia abbia avuto origine lavorativa.

Agevolazioni per l'integrazione lavorativa

Titolo della norma:

Art. 33, legge 104/1992

Disposizioni principali:

Agevolazioni per l'integrazione lavorativa delle persone handicappate

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • La persona handicappata può usufruire alternativamente di 2 ore al giorno o 3 giorni al mese di permesso retribuito;
  • La persona handicappata ha il diritto, ove possibile, di scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferita, senza il proprio consenso.

Sicurezza sul lavoro

Titolo della norma:

Legge 68/1999

Disposizioni principali:

Norme per il diritto al lavoro dei disabili

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • I datori di lavoro, pubblici e privati, sono tenuti a garantire la conservazione del posto di lavoro a quei soggetti che, non essendo disabili al momento dell'assunzione, abbiano acquisito per infortunio sul lavoro o malattia professionale eventuali disabilità (art. 1, comma 7).
  • I datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad avere alle proprie dipendenze una certa percentuale di lavoratori disabili (art. 3).
  • Coloro che sono diventati inabili allo svolgimento delle proprie mansioni a seguito di malattia o infortunio, non possono essere licenziati per giustificato motivo oggettivo, nei casi in cui possono essere adibiti a mansioni equivalenti o inferiori e in questa ipotesi conservano il più favorevole trattamento corrispondente alle mansioni di provenienza (art. 4).

Guida al lavoro

Titolo della norma:

Art. 15, legge 66/2003

Disposizioni principali:

Trasferimento al lavoro diurno

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • Qualora sopraggiungano condizioni di salute che comportino l'inidoneità alla prestazione di lavoro notturno, il lavoratore verrà assegnato al lavoro diurno, in altre mansioni equivalenti, se esistenti e disponibili.

Doveri del datore di lavoro

Titolo della norma:

Art. 3, d.lgs. 216/2003

Disposizioni principali:

Accomodamenti ragionevoli per le persone con disablità.

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • I datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad adottare accomodamenti ragionevoli, come definiti dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, nei luoghi di lavoro per garantire alle persone con disabilità la piena eguaglianza con gli altri lavoratori.
  • Per accomodamenti ragionevoli si intendono "le modifiche e gli adattamenti necessari ed appropriati che non impongano un carico sproporzionato o eccessivo, ove ve ne sia necessità in casi particolari, per assicurare alle persone con disabilità il godimento e l’esercizio, su base di eguaglianza con gli altri, di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali” (art.2, Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità).

Titolo della norma:

d.lgs. 81/2008

Disposizioni principali:

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • I luoghi di lavoro devono essere strutturati, tenendo conto, se del caso, dei lavoratori disabili (art. 63);
  • In caso di inidoneità alla mansione specifica, il datore di lavoro adibisce il lavoratore, ove possibile, a mansioni equivalenti o, in difetto, a mansioni inferiori pur mantenendo lo stesso trattamento economico (art. 42).

Rientro dopo un lungo congedo per malattia

Congedo per cure

Titolo della norma:

art. 7, d.lgs. 119/2011

Disposizioni principali:

Congedo per cure per gli invalidi

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • I lavoratori mutilati e invalidi civili cui sia stata riconosciuta una riduzione della capacità lavorativa superiore al 50% possono fruire ogni anno, anche in maniera frazionata, di un congedo per cure per un periodo non superiore a 30 giorni. Durante il periodo di congedo
  • non rientrante nel periodo di comporto di cui all'art. 2110 c.c.
  • il dipendente ha diritto a percepire il trattamento calcolato secondo il regime economico delle assenze per malattia.
  • Ai sensi della L. 118/1971, art. 2, si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo, che abbiano subito una riduzione della capacità lavorativa non inferiore ad un terzo

Trasformazione del rapporto di lavoro

Titolo della norma:

art. 8, c. 3, d.lgs. 81/2015.

Disposizioni principali:

Trasformazione del rapporto di lavoro

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • I lavoratori del settore pubblico e del settore privato affetti da patologie oncologiche nonché da gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti, per i quali residui una ridotta capacità lavorativa, hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in lavoro a tempo parziale.
  • A richiesta del lavoratore il rapporto di lavoro a tempo parziale è trasformato nuovamente in rapporto di lavoro a tempo pieno.

Norme a sostegno di coloro che sono attualmente in assenza per malattia e vorrebbero successivamente tornare al lavoro

Reintegrazione

Titolo della norma:

Regolamento per il reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro, emanato dall'INAIL (Istituto Nazionale per le Assicurazioni contro gli Infortuni sul Lavoro)

Disposizioni principali:

Sostegno alla continuità lavorativa degli infortunati e dei tecnopatici prioritariamente con la stessa mansione o con una mansione diversa rispetto a quella alla quale l’assicurato era adibito precedentemente al verificarsi dell’evento lesivo.

I tuoi diritti grazie alla norma:

  • L'INAIL, entro i limiti stanziati annualmente, rimborsa parte delle spese per la realizzazione di:
  • 1) interventi di superamento e di abbattimento delle barriere architettoniche nei luoghi di lavoro;
  • 2) interventi di adeguamento e di adattamento delle postazioni di lavoro;
  • 3) interventi di addestramento personalizzati all’utilizzo delle postazioni e delle relative attrezzature di lavoro e interventi di formazione e tutoraggio utili ad assicurare lo svolgimento della stessa mansione o la riqualificazione professionale funzionale all’adibizione ad altra mansione.
loading...
 
 
 
Loading...